News

Le principali novità dal mondo del lavoro
SELFIEMPLOYMENT: NUOVA OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI
Posted by:Alberto Liviero, Ottobre - 03 - 2016

Il SELFIEmployment sostiene l’avvio di nuove piccole iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo con programmi di spesa inclusi tra 5.000 e 50.000 euro attraverso la concessione di finanziamenti agevolati senza interessi e non assistiti da nessuna forma di garanzia reale e/o di firma. Il seguente contributo si limiterà ad evidenziare i 5 elementi che ritengo essenziali per ottenere un quadro generale dell’agevolazione ma invito chiunque fosse interessato ad un approfondimento della normativa, della procedura o dei requisiti di accesso di rivolgersi ad un professionista del settore o di consultare i portali Invitalia o Garanzia Giovani.

REQUISITI DI ACCESSO

Per accedere alla misura in questione i richiedenti devono possedere alcuni requisiti:

  • età compresa tra i 18 e i 29 anni;
  • NEET, cioè senza un lavoro e non impiegati in percorsi di studio o di formazione professionale (Not in Education, Employment or Training)
  • Iscritti al programma Garanzia Giovani

SETTORI AGEVOLABILI

I finanziamenti saranno ammissibili per le iniziative riferibili a tutti i settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, quali ad esempio: turismo, servizi per l’ambiente, servizi ICT, risparmio energetico ed energie rinnovabili, servizi alle imprese operanti nel commercio al dettaglio e all’ingrosso, manifatturiere o artigiane.

 SOGGETTI ESCLUSI

Sono esclusi dalla possibilità di finanziamento:

  • i settori della pesca e dell’acquacultura, della produzione primaria in agricoltura, nonché, in generale, le attività che si riferiscono a settori esclusi dall’articolo 1 del Regolamento UE 1407/2013;
  • le attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco.

 FINANZIAMENTI

I finanziamenti agevolati sono così ripartiti:

  • microcredito, per iniziative con programmi di spesa inclusi tra i 5.000 ed i 25.000 euro;
  • microcredito esteso, per iniziative con programmi di spesa inclusi tra i 25.001 ed i 35.000 euro;
  • piccoli prestiti, per iniziative con programmi di spesa inclusi tra i 35.001 ed i 50.000 euro.

TIPOLOGIA DI SPESE

Le spese di investimento dovranno essere regolarmente documentate, e potranno riferirsi alle seguenti voci:

  • attrezzature, macchinari, impianti e allacciamenti
  • beni immateriali ad utilità pluriennale, ad eccezione di brevetti licenze e marchi ivi comprese spese di ingresso per le iniziative in franchising;
  • ristrutturazione di immobili entro il limite massimo del dieci per cento del valore degli investimenti ammessi.
  • Share :

Alberto Liviero

Lascia un tuo commento Risponderò al più presto

yellow-triangel sky-triangel